Warcraft
7 giugno 2016

Stivaletti Nila & Nila Donna Donna Donna - 11478733SC 589361

Giunge finalmente nelle sale la prima opera cinematografica ispirata al più longevo dei franchise di Blizzard Entertainment: Warcraft – L’inizio, il racconto del primo contatto fra orchi e umani su Azeroth

Stivaletti Nila & Nila Donna Donna Donna - 11478733SC 589361

Ormai da tempo tanto la critica quanto il grande pubblico hanno imparato a non fidarsi dei film ispirati a opere videoludiche. Questo atteggiamento è più che comprensibile poiché i numerosi titoli appartenenti a questa categoria, fra cui si possono annoverare Doom, gli Alone in the Dark, i due HitmanSilent Hill, la saga di Tomb Raider e quella di Resident Evil, non sono sicuramente dei capolavori, tutt’altro. Film il più delle volte molto mediocri, decisamente commerciali e nei quali il videogioco è più visto come spunto per redigere una trama che alla fine non c’entra proprio nulla con esso: non si tratta, insomma, di veri e propri adattamenti, di trasposizioni dirette da un media all’altro. Questa volta, tuttavia, Blizzard Entertainment e Legendary Pictures, in collaborazione con la Universal Pictures, ci dimostrano come un adattamento sia in realtà possibile e anche apprezzabile. Warcraft – L’inizio, infatti, non sarà il film dell’anno, ma sicuramente colpisce nel cuore gli appassionati della più longeva saga di Blizzard.

Warcraft – L’inizio: nel cuore dei fan

COMPOSIZIONE

Pelle
  • DETTAGLI
    senza applicazioni, tinta unita, zip, punta tonda, tacco squadrato, interno foderato, suola carrarmata, contiene parti non tessili di origine animale
  • MISURE
    Altezza del gambale 24 cm, Circonferenza gambale 32 cm, Altezza tacco 5,5 cm, Altezza del plateau 3 cm
  • .

    Warcraft

    La locandina italiana di Warcraft – L’inizio

    Innanzitutto Warcraft – L’inizio trae ispirazione non tanto da World of Warcraft quanto più dal primo titolo strategico da cui ha avuto origine il franchise, Warcraft: Orcs and humans (1994), racconta infatti della Prima Guerra, una vicenda ambientata circa trent’anni prima della narrazione del MMORPG al suo lancio. Si tratta di un vero e proprio adattamento, visto che la sceneggiatura segue piuttosto fedelmente quella che viene considerata la linea temporale canonica, almeno nella prima metà del film, e gli estimatori o i giocatori di vecchia data possono facilmente riconoscere alcuni degli eventi salienti della trama, nonché godere durante le panoramiche di alcune città e località, in quanto la geografia di Azeroth è stata ricreata con cura quasi maniacale. Per tutti coloro che conoscono esclusivamente il MMORPG di Blizzard non mancano numerosi easter egg, mai eccessivamente invasivi, e l’espansione Warlords of Draenor permette di poter riconoscere alcuni dei personaggi del film senza essere per forza degli appassionati.

    A questo punto ci si potrebbe chiedere: e per chi non conosce nulla di questo universo? Warcraft – L’inizio, nonostante la vicenda narrata sia piuttosto vasta e astrusa, riesce a mantenere una buona coerenza e un’esposizione chiara, permettendo di seguire la narrazione senza grandi intoppi e stimolando potenzialmente un interesse nei confronti del franchise per cercare di capire meglio il contesto della Prima Guerra e dei suoi protagonisti. Ciò detto ci si trova comunque davanti ad un’opera cinematografica nata per essere rivolta principalmente ai fan dei titoli Blizzard, che sicuramente avranno modo di apprezzarlo più a fondo, soprattutto a fronte dei numerosi difetti che ne minano la qualità complessiva.

    Contrasti ingiustificati

    .

    Ci sono tanti aspetti davvero riusciti in Warcraft – L’inizio, ma sono state fatte altrettante pessime scelte che pongono qualunque spettatore critico a farsi delle domande sulla sua produzione. In primis ci si ritrova davanti a dei dialoghi di una banalità disarmante, privi di alcuna profondità e di messaggi interessanti, neanche fossero rivolti ad un’enciclopedia spettatoriale di presunti giovanissimi. Ciò stona fortemente con lo sviluppo di una narrazione che, al contrario, vede numerose svolte poco comuni nell’ideale del classico film high fantasy, risultando in una mancanza di coerenza e di armonia piuttosto fastidiosa: sembra quasi che i dialoghi non siano stati scritti dalle stesse persone che hanno scritto la sceneggiatura e la decente performance degli attori protagonisti, purtroppo, non riesce a risollevarli. Si tratta di un problema ricorrente all’interno del film, vi è infatti una costante contrapposizione fra elementi che fanno pensare ad un’intenzione di commercialità con elementi più ricercati, quasi d’autore, ed è difficile capire il ruolo del regista Duncan Jones (MoonSource Code), egli stesso fan del franchise, in tutto ciò.

    Il doppiaggio italiano non fa che peggiorare la situazione: la scelta di tradurre integralmente World of Warcraft nella lingua del Bel Paese ha portato evidenti problemi nel pronunciare i nomi di alcuni personaggi all’interno del film, essendo essi più brevi in inglese, causando numerose biascicature e l’effetto sulle voci orchesche risulta più fastidioso che “figo”. Tracce di commercialità si rivelano anche in alcune sottotrame e scene che gridano alla cosiddetta “americanata” e in personaggi a tratti inutilmente (se non addirittura dannosamente) stereotipati. Considerando l’ingente mole di scene (ahinoi) tagliate dal prodotto finale e queste sbavature, la visione del film lascia l’amaro in bocca una volta giunti ai titoli di coda, ma non si tratta di puro ribrezzo, perché alcuni elementi sono stati realizzati con estrema cura.

    Warcraft

    La recitazione è su buoni livelli, ma sui dialoghi è meglio non esprimersi – Photo credit: Fotogramma del trailer di lancio ufficiale

    Cosa c’è di buono?

    Warcraft – L’inizio è realizzato per la maggior parte in CGI, con l’ausilio della tecnologia motion capture per gli attori che interpretano gli orchi, e si tratta di uno dei migliori film in computer grafica sulla piazza. Il dover ricreare le ambientazioni di Azeroth su grande schermo non dev’essere stato un compito facile, soprattutto quando si tratta di riprodurne l’architettura, essendo lo stile di Warcraft unico e a tratti fumettoso, ma è stato svolto un lavoro eccellente e i fan del franchise non possono che apprezzarlo. Chi lo vede per la prima volta potrebbe invece storcere il naso giudicandolo ridicolo, così come appaiono un po’ ridicole le armi e armature degli umani (che ricordano quasi quelle dei cosplayer), ma è necessario rendersi conto del fatto che la direzione del progetto ad un certo punto si è trovata davanti ad un bivio: far contenti i fan o sostituire lo stile tipico con qualcosa di più vicino alla realtà. Una terza opzione in realtà c’era ed era di ricreare anche gli umani in computer grafica, visto che Blizzard ha davvero talento nel realizzare cinematics in CGI, forse la scelta migliore, ma alla fine si è deciso di mostrare umani in carne ed ossa.

    Proprio grazie ad una fotografia di altissima qualità i combattimenti risultano spettacolari, brutali e davvero fisici. Non vengono risparmiati colpi e si assiste anche a scene piuttosto cruente che ben s’intonano con la ferocia degli orchi. Anche la colonna sonora di Ramin Djawadi è di buona qualità e il main theme è decisamente azzeccato, ma non è all’altezza di altre opere dello stesso compositore e non si distingue molto.

    Warcraft

    Gli orchi sembrano più reali degli attori umani – Photo credit: Fotogramma del trailer di lancio ufficiale

    Conclusioni

    Jimmy Choo EUGENE - Nero farfetch neri,Sandali Msgm Donna - 11500554VFStivaletti Geox Donna - 11499046OL,Stivaletti Jeffrey Campbell Donna - 11125822XW,Giuseppe Zanotti Design Gail Plus scarpe da ginnastica - Nero farfetch neri Pelle,Espadrillas Manebí Donna - 11129900DPScarpe da Ginnastica Steve Madden Donna - 11401612BL,Scarpe da Ginnastica Adidas Originals Donna - 11549412VS,Paul Andrew Stivaletti 'Banner' - Nero farfetch neri PelleScarpe Scarpe Donna Casadei giglio grigio,Sandali Puma X Shantell Martin Leadcat V Sm - Donna - 11457465CD,Mulberry Stivali e Stivaletti Donna, Nero, pelle, 2017, 36 37 39 40 raffaello-network neri PelleTods Scarpe con Tacco da Donna, Nero, pelle, 2019, 36 37 38 38.5 39.5 41 raffaello-network Senza stampe,Dolce & Gabbana Slippers 'Jackie' - Nero farfetch neri PelleSandali Cafènoir Donna - 11190264DHSaint Laurent Brown Suede Joplin Boots ssense neri Pelle,Décolleté Pons Quintana Donna - 11254126HS,Sandali Sara® Collection Donna - 11423956TX,Haider Ackermann Blue Suede Boots ssense neri Pelle,Saint Laurent Mules a punta 'Anja' - Nero farfetch neri,Stringate Eliana Bucci Donna - 11542553XR,Infradito Tkees Donna - 11535986JB,Sandali Steve Madden Word Slipper - Donna - 11436475WC,Attico Mules 'Pink Chloe 85' - Pink & Purple farfetch rosso,Stivaletti Keys Donna - 11551419WC,Espadrillas La Corde Blanche Donna - 44962252VR,Stivaletti Valentino Garavani Donna (0S0E62XRL0CE) b-exit neri Autunno,Sandali Jada Simon Donna - 11537960ES,Scarpe da Ginnastica Cinzia Soft By Mauri Moda Donna - 11534848FX,Scarpe da Ginnastica Ishu+ Donna - 11402513BJ,.

    Bizzarra la scelta di Blizzard nel pubblicizzare poco la prima trasposizione cinematografica di un proprio titolo, ma forse essa stessa non ha mai creduto tanto nel progetto. È un peccato, perché Warcraft – L’inizio ha degli ottimi spunti ed è un film che non deluderà completamente neanche i fan più amanti del cinema, insomma non è un disastro come lo sono stati altri film tratti da videogiochi, ma presenta alcuni inspiegabili difetti che ne abbassano la valutazione, tanto che la critica l’ha bocciato senza possibilità di appello (una media di 31/100 su Metacritic). Inoltre non si riesce ad etichettare come film commerciale o di nicchia perché presenta elementi di entrambi i generi, risultando in un mediocre ibrido. Non rimane che sperare in sequel più curati, sempre se ce ne saranno (il titolo inneggia al sì), per ora il consiglio è di andarlo a vedere se si è fan del franchise, (ex-)giocatori di World of Warcraft o per curiosità, ma con la consapevolezza che è un film senza grandi pretese e, almeno sotto questo punto di vista, è onesto.

    Trailer ufficiale di Warcraft – L’inizio:

    Print Friendly, PDF & Email
    SHARE

    Immagini da Torino

    No images found!
    Try some other hashtag or username

    Recent Comments

    IRIDI: l'incubatore per migliorare l'insegnamento in Università - Retrò Online
    Project MARTA, innovazione nell'arte contemporanea - Retrò Online

    Social Network

    Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto
    Privacy & Cookies Policy